Augmented Reality for orientation

The use of apps such as Layar or Junaio enable to create a presentation of information that can be anchored to a specific geographic spot. This layer of information can then be seen by looking at the reality that surrounds you through the lens of a smart device. It will show you the area you are aiming at but with extra information added to it. The result is like seeing virtual object that are anchored to real objects, as if your device were unveiling a hidden dimension.
In cultural heritage this has been used to create audioguides with hypercontent. The fact of using Layar or Junaio allows you to open this possibility to anyone, creating interactive audioguides in which the visitors themselves can upload their impressions and photos.

Augmented Reality voor orientatie
Een applicatie om Augmented Reality op interatieve wijze in te zetten binnen een erfgoedomgeving.
Realtà Aumentata per l’orientamento

L’uso di applicazioni come Layar o Junaio consentono di creare una presentazione di informazioni che risultano ancorate ad un punto geografico specifico. Questo strato di informazioni può quindi essere visto guardando alla realtà che vi circonda attraverso l’obiettivo contenuto in uno smartphone. Come prima di scattare una foto, sul monitor si vede l’area che si sta puntando ma con l’aggiunta di contenuti virtuali che simulano di essere posizionati nello spazio circostante. Il risultato è quello di vedere oggetti virtuali che sono ancorati agli oggetti reali, come se il dispositivo svelasse una dimensione nascosta.
Nel caso del patrimonio culturale, queste app sono state utilizzate per creare audioguide con contenuti multimediali. Il fatto di utilizzare Layar o Junaio consente di aprire questa possibilità a chiunque, creando audioguide interattive in cui i visitatori possono caricare le loro impressioni e foto.


Type
  • Tool
Usage
  • Tracking / mapping / routing
  • Exploring / research / inquiry
  • Recording / collecting
Learning activities
  • Hook (get attention, build interest, break the ice, catch the eye)
  • Signpost (introduce, set the scene, chapterise…)
  • Raise attention, intensify perception (raise questions, predict…)
  • Show, demonstrate, give access to (also tangible) also to events, objects that are otherwise inaccessible
  • Affect, emotional and empathic engagement
  • Enable cognition (observe, analyse, incite activity such as describe etc.)
  • Make a synthesis, interprete
  • Create own (re)presentation, impression
Context
  • Museum
  • Heritage site
Languages
  • English
Age 10 to 12 years
Keywords
  • augmented reality, AR, Junaio, Layar, layer, multimedia
Submitted by
 

4 commenti su “Augmented Reality for orientation”

  1. “Layar” e “Junaio” sono applicazioni che permettono di inquadrare lo spazio circostante e vedere nello schermo elementi aggiuntivi, che in realtà non esistono, dando vita ad una realtà aumentata. Per me è immediato il parallelo con “Pokemon go”, un gioco per smartphone che permetteva di fare lo stesso, ovvero di giocare con i celebri “Pokemon” nello spazio circostante, vedendoli comparire nel proprio salotto o nel centro storico della propria città. Uno strumento che crea una “nuova dimensione” e che, in aggiunta, fornisce un’educazione culturale e territoriale, è sicuramente una risorsa importante e innovativa che può essere utilizzata per diverse proposte laboratoriali anche nella scuola primaria.

     
  2. Mi è capitato di svolgere questa attività di realtà aumentata durante la visita ad un museo a Barcellona ; è stata un’esperienza innovativa che mi ha coinvolta maggiormente nell’apprendimento delle notizie esposte dall’audioguida.

     
  3. App che coinvolge maggiormente il visitatore all’interno di un museo, oltre ad avere un audio guida ha la possibilità di vedere all’interno dello smartphone il museo in maniera interattiva, costruito dal computer. Mi è capitato di utilizzarla durante la visita di Casa Battlo a Barcellona ed è stato divertente e stimolante.

     
  4. Progetto che unisce la tecnologia alla vita quotidiana. Forse è meglio toccare con mano senza “filtri” tecnologici in età giovane. Però potrebbe essere un’idea

     

I commenti sono chiusi.